“Non sarà ‘a Happy Christmas’ come dicono qua”

Lettera inviata da Gregorio Benoldi alla famiglia, dal campo di prigionia di Billingshurst, Inghilterra, Regno Unito

Billingshurst, 23 dicembre 1945

23 dicembre 1945

Carissimi,

Al giungervi di questa le feste saranno già trascorse e mi auguro abbiate festeggiato veramente sebbene pensi quanto tutto sarà difficile. Quanto a me, a tavola sarà passabile, ma non sarà “A happy Christmas” come dicono qua, per tutto il resto. È già il terzo che trascorro in questo paese, il migliore di tutti fu il primo, allora erano meno i pensieri, due anni di meno è già qualcosa, e ci davano anche più roba. Ad ogni modo non è per la ricorrenza delle feste che saremo tristi, ma solo il pensare di essere tuttora qui senza concludere un bel niente. Di salute sempre ottimamente così spero di voi tutti. Siamo alloggiati in una casa, nella quale siamo venuti da due mesi circa, avendone lasciata un’altra, anche la zona è buona: sud-est d’Inghilterra, a 40 miglia da Londra. Saluti affettuosi, bacioni cari

Gregorio

Parole chiave

Campi di prigionia di riferimento